GDPR: la sicurezza dei siti web

GDPR: la sicurezza dei siti web

Per verificare se un sito web è sicuro dobbiamo analizzare diversi aspetti.

Nel dettaglio, all’interno del nostro sito web, dobbiamo analizzare questi punti:

  1. Moduli di registrazione utenti;
  2. Sezione commenti;
  3. Moduli di contatto;
  4. Analisi dei log del traffico;
  5. Plugin utilizzati;
  6. Tools di email marketing.

MODULI DI REGISTRAZIONI UTENTI

Il modulo di registrazione, consente agli utenti di registrarsi sul nostro sito per accedere ad un servizio o contenuti riservati agli iscritti, come per esempio l’accesso da un’area riservata o ad un e-commerce.

SEZIONE COMMENTI

Gli utenti, insieme a tutti coloro che commentano e visitano dei siti web,  avrebbero da guadagnare nell’essere presenti nella sezione commenti e dall’intervenire nelle discussioni. Da questa attività in particolare l’utente potrebbe avere maggiori strumenti per la verifica della veridicità e della provenienza delle fonti.

Ovviamente, essendo indicato per ogni commento il nome dell’utente, il sito sul quale andrà ad inserirli, dovrà presentare dei parametri di sicurezza elevati in linea con la normativa GDPR.

ANALISI  DEI  LOG

L’analisi dei file di log indica il procedimento dell’ispezione mirata e dell’analisi del file. Questo metodo serve ad esempio a rintracciare un errore di trasmissione del database e dell’e-mail o a verificare le attività del firewall. Spesso viene utilizzato anche nell’ambito dell’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)

PLUGIN UTILIZZATI

Il plugin in campo informatico è un programma non autonomo che interagisce con un altro programma per ampliarne o estenderne le funzionalità originarie.

TOOLS DI EMAIL MARKETING

L’e-mail marketing è un tipo di marketing, definito diretto, che usa la posta elettronica come mezzo per comunicare messaggi, commerciali e non, al pubblico.

WordPress è una piattaforma flessibile e personalizzabile, per lo sviluppo dei siti web, in relazione alle necessità dei clienti, questo può avvenire attraverso dei piccoli add-on chiamati plugin.

Tutti i plugin che memorizzano i dati degli utenti devono rispettare le regole del GDPR, cioè devono verificare, se e come questi raccolgono i dati personali degli utenti, in modo da tutelarli.

L’esempio classico di raccolta dati per un sito WordPress è il form contatti dove i visitatori del sito web possono chiederti informazioni circa i prodotti e/o servizi che vengono offerti, previa accettazione della normativa relativa al trattamento dei dati personali.

Nexapp , con la collaborazione di Easytech Srl, può aiutarti a mantenere sicuro il tuo sito web.

 

Contattaci per avere ulteriori informazioni!

 

CREDITS:

QuiFinanza

Alfonsostriano

Alground

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://nexapp.it/wp-content/uploads/2017/05/sfondo-slider-2.jpg);background-color: #f98509;background-size: cover;background-position: center center;background-attachment: scroll;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 200px;}