SOFTWARE: GESTIRE UN PROGETTO IN MODO AGILE

SOFTWARE: GESTIRE UN PROGETTO IN MODO AGILE

software

Quando viene commissionato un progetto software, sia che riguardi un aggiornamento di una realtà già consolidata sia che si tratti di una realizzazione da zero, risulta fisiologico, per l’azienda cliente e per quella che lo realizza, incontrare diverse criticità a livello progettuale e applicativo:

«Si tratta di un problema generale che affligge tutti i progetti, ma che nel caso dei software è ancora più evidente. Fondamentale è che sia il frutto di un lavoro condiviso da cliente e azienda, altrimenti il rischio è che il risultato non sia allineato ai reali obiettivi del progetto». Con un’ organizzazione dei progetti AGILE si può sopperire alle criticità che si possono incontrare. Secondo Tecnest, ovvero un’azienda di Udine specializzata nella fornitura di soluzioni informatiche, le principali rilevate sono quattro:

1 – Incertezza dei requisiti

Il primo step nella definizione di un progetto è quello in cui vengono analizzati i requisiti necessari per il corretto funzionamento del software con l’idea che esso possa durare nel tempo anche dopo successivi miglioramenti. La criticità risiede nella definizione di essi in quanto si possono realmente ponderare nel momento in cui il software viene effettivamente realizzato, riuscendo quindi a dare il giusto peso alle richieste meno chiare.

2 – Interpretazione sbagliata di un requisito

Durante la stesura dei requisiti, per diversi motivi che possono spaziare dalla singola capacità linguistica del soggetto fino ad arrivare a criticità nate dal mezzo comunicativo che non comprende o linguaggio verbale o non verbale, si possono presentare differenze tra il messaggio comunicato e quello ricevuto. L’effetto di questo misunderstanding causa un’evoluzione del progetto diversa da quella inizialmente pensata da chi ha definito i requisiti.

3 – Incertezza dei tempi

Le metodologie di progetto tradizionali chiamate anche “a cascata”, hanno come requisito fondamentale il tempo che intercorre tra l’incontro iniziale per la stesura del progetto con tutte le criticità e il rilascio del software definitivo che risulta con questa metodologia molto lungo. Tale criticità risulta importante perché in questo periodo di tempo le esigenze possono mutare fino a raggiungere paradossalmente uno slittamento infinito della deadline del progetto.

4 – Coinvolgimento sporadico del cliente o committente nelle diverse fasi

Nel momento in cui l’azienda che commissiona il progetto software viene coinvolta solo nella fase iniziale e finale del progetto si può incorrere in una criticità, ovvero, partendo dalle considerazioni trattate nel primo punto il rischio che il progetto non rispecchi a pieno le esigenze del cliente è molto alto in quanto esse dovranno essere implementate in un secondo momento con la conseguente lievitazione dei tempi e dei costi del progetto.

Nexapp realizza software custom in modo agile garantendo tutti i benefici studiato ad HOC secondo le esigenze del cliente.

 

FONTE: https://www.logisticaefficiente.it/comunicati-stampa/4-difficolta-progetto-metodi-per-superarle.html

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://nexapp.it/wp-content/uploads/2017/05/sfondo-slider-2.jpg);background-color: #f98509;background-size: cover;background-position: center center;background-attachment: scroll;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 200px;}